Consigli

Nuova o usata?

Pro e contro della scelta di acquisto

Nuova o usata? E’ una delle domande più frequenti che mi rivolgono.

Ed è anche una delle più facili.

Sì, perché l’unico vero vantaggio di un’auto nuova rispetto ad una usata è la possibilità di ritagliarla su misura per te. Per il resto, la bilancia è del tutto a favore dell’auto usata.

Ma prima facciamo chiarezza. Quando definiamo un’auto nuova e quando usata?

AUTO NUOVE E AUTO USATE

Un’auto è nuova quando deve ancora essere immatricolata. In questo caso il primo proprietario che figurerà sulla carta di circolazione sarai tu.

Un’auto è usata quando prima di te c’è già un proprietario che figura sulla carta di circolazione.

Le auto cosiddette km 0 sono tecnicamente usate, perché sono state immatricolate dal concessionario, tipicamente per raggiungere gli obiettivi di vendita fissati dalla casa madre.

Una vettura km 0 costa meno dello stesso modello nuovo, ma di fatto si tratta a tutti gli effetti di un’auto nuova perché ha un chilometraggio solitamente inferiore a 100 km.

VANTAGGI E SVANTAGGI

Nella tabella a seguire ho riassunto per te i principali vantaggi e svantaggi tra l’acquisto di un’auto nuova e quello di un’auto usata.

Auto nuova Auto usata
PRO – libertà di personalizzazione

– tecnologia di ultima generazione

– massima garanzia

– sensibile risparmio

– rapporto qualità/prezzo

– disponibilità immediata

CONTRO – costo elevato

– forte svalutazione iniziale

– tempi di attesa

– scarsa personalizzazione

– tecnologia più datata

– garanzia residua

– eventualità costi di ripristino

– necessità di controllare la vettura

 

Attenzione, però, ti consiglio di leggere con attenzione i miei commenti più sotto per scoprire alcuni distinguo fondamentali:

LIBERTA’ DI PERSONALIZZAZIONE

E’ chiaro che quando compri un’auto nuova hai la possibilità di configurarla a piacimento. O no?

Pensaci bene, in realtà ogni personalizzazione ha un costo: la semplice scelta del colore che vuoi è un costo aggiuntivo, perché i colori senza sovrapprezzo sono uno o due su ogni modello.

Alcuni optional sono legati a pacchetti che ne comprendono altri, oppure sono riservati a determinate versioni. Ad esempio, spesso il cambio automatico è disponibile solo in abbinamento ad alcune versioni.

Potrei continuare con altri esempi, ma il succo del discorso è che – a meno che tu non sia disposto a spendere una fortuna – difficilmente configurerai l’auto nuova esattamente come la desideri.

DOTAZIONE TECNOLOGICA

In linea generale è vero che un’auto nuova sarà tendenzialmente equipaggiata con i dispositivi tecnologici più recenti: pensa alla conformità con le normative anti inquinamento o alla presenza di porte USB e SD.

La realtà però è che spesso la modernità delle dotazioni dipende dalla categoria di appartenenza della vettura.

Ti faccio un esempio: il sistema di infotainment di una vettura di prestigio con qualche anno sulle spalle può facilmente essere più completo e all’avanguardia di quello di una vettura nuova di fascia bassa.

GARANZIA

La legge prescrive che le auto vendute dai concessionari siano coperte da una garanzia legale.

La garanzia legale copre i malfunzionamenti o i guasti dovuti ad un vizio di fabbrica. La durata minima è di 2 anni per le auto nuove, 1 anno per le auto usate.

Chi risponde della garanzia è il concessionario dove hai acquistato l’auto.

La garanzia fornita dal concessionario parte dal momento in cui acquistate la vettura.

Ogni auto porta poi in dotazione con sé la garanzia della casa produttrice. Questa garanzia ha una durata variabile: può andare da 2 anni (minimo di legge) a 5 o anche 7.

Tutte le case offrono poi la possibilità di prolungare – a pagamento – la durata della garanzia.

Nel caso di un’auto usata la durata della garanzia originaria della casa va calcolata a partire dalla data di prima immatricolazione.

Ti consiglio quindi di verificare se l’auto usata di tuo interesse ha ancora un periodo di garanzia residua della casa oppure no. Il proprietario precedente potrebbe aver acquistato un’estensione di garanzia o pacchetti comprensivi di manutenzione, che passeranno a te come nuovo proprietario.

In ogni caso, ricorda che se chi vende è un concessionario, sarà tenuto ad offrirti una garanzia minima di 1 anno.

Non tutti sanno che la garanzia rimane valida indipendentemente da dove effettui la manutenzione della vettura: l’importante è che tu faccia eseguire tutti gli interventi previsti dal piano manutentivo della casa produttrice, secondo le tempistiche indicate nel libretto di uso e manutenzione della vettura.

Se acquisti da un privato, non hai diritto alla garanzia legale, ma chi ti vende l’auto è comunque tenuto a non nasconderti eventuali difetti o guasti: l’auto deve cioè essere conforme a quanto dichiarato dal venditore.

Se vuoi approfondire l’argomento garanzia, puoi leggere qui:

https://www.automobile.it/magazine/acquisto-auto/garanzia-auto-1685

RAPPORTO QUALITA’/PREZZO E SVALUTAZIONE

A parità di budget, scegliere un veicolo usato ti permette di accedere a mezzi con caratteristiche ed equipaggiamento tecnico superiori rispetto al nuovo.

Con gli stessi soldi, compri più “sostanza”.

Perchè?

Perchè la semplice immatricolazione dell’auto ne determina la prima svalutazione. In pratica, appena esci dal concessionario puoi già togliere alla tua auto il valore dell’IVA (oggi è al 22%).

Dopo 1 anno la tua nuova auto vale già il 30% in meno.

Dopo 2 anni vale il 50% in meno rispetto al prezzo originario.

Ogni anno successivo, l’auto perde il 10% del valore rispetto all’anno precedente.

Dopo 5 anni, la svalutazione si attesta su valori leggermente inferiori, ma prosegue inarrestabile.

Ovviamente, la desiderabilità del modello sul mercato, o meglio il rapporto tra domanda e offerta, può accelerare o rallentare questo inevitabile processo.

La conseguenza della forte svalutazione iniziale è che il massimo vantaggio economico si ha acquistando auto di 2 o 3 anni di vita, cioè auto che hanno appena subito la svalutazione più forte ma hanno ancora molti anni di “vita residua” da vivere.

TEMPI DI ATTESA

Quando ordini un’auto nuova, i tempi di attesa possono dilatarsi a diversi mesi.

Questo è particolarmente vero se si tratta di un modello molto richiesto. In questo momento, ad esempio, conosco diverse persone che stanno facendo una fila di circa 90 giorni per entrare in possesso della loro nuova Golf.

Quando compri un’auto usata, beh, è già lì davanti a te.

COSTI DI RIPRISTINO

Se compri un’auto nuova, non devi far nulla se non iniziare ad usarla.

Siamo spesso portati a pensare che un’auto nuova riservi meno sorprese di una usata, ma non è sempre così: la probabilità di incappare in un esemplare “difettoso” c’è sempre.

Nel caso di una vettura usata, devi logicamente porre tanta più attenzione quanto più anziana è la vettura.

Se – come me – non sei un meccanico, hai però un importante strumento per scoprire se c’è qualcosa che non va: l’esame dello storico manutentivo (clicca qui per approfondire).

In ogni caso, se l’auto usata ha qualche primavera sulle spalle, devi considerare che in tempi più o meno ravvicinati dovrai effettuare qualche intervento di manutenzione straordinaria Un esempio classico è la sostituzione della cinghia della distribuzione, ma può trattarsi anche della sostituzione dei silent block o della sostituzione dell’olio del cambio automatico.

CONCLUSIONE
Scegliere una buona auto usata ti consente di massimizzare il tuo investimento economico, ottenendo di più dal tuo budget di spesa ma assicurandoti al contempo un veicolo ancora tutto da sfruttare.

Tags

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close